La Divina Brick-Commedia – Introduzione

« Nel mezzo del cammin di nostra vita
mi ritrovai per una selva oscura,
ché la diritta via era smarrita. »

La Divina Commedia è composta da tre cantiche che comprendono un totale di cento canti: la prima cantica (Inferno) è di 34 canti (33 hanno argomento l’Inferno; uno, il primo, è proemio all’opera intera), le altre due cantiche, Purgatorio e Paradiso, sono di 33 canti ciascuna.

La struttura testuale della Commedia coincide esattamente con la rappresentazione cosmologica dell’immaginario medievale. Il viaggio all’Inferno e nel monte del Purgatorio rappresentano infatti l’attraversamento dell’intero pianeta, concepito come una sfera, dalle sue profondità alle regioni più elevate; mentre il Paradiso è una rappresentazione simbolico-visuale del cosmo tolemaico.

L’Inferno era rappresentato all’epoca di Dante come una cavità di forma conica interna alla Terra, allora concepita come divisa in due emisferi, uno di terre e l’altro di acque. La caverna infernale era nata dal ritrarsi delle terre inorridite al contatto con il corpo maledetto di Lucifero e delle sue schiere, cadute dal cielo dopo la ribellione a Dio. La voragine infernale aveva il suo ingresso esattamente sotto Gerusalemme, collocata al centro della semisfera occupata dalle terre emerse, ovvero dal continente euroasiatico. Agli antipodi di Gerusalemme, e quindi al centro della semisfera acquea, si ergeva l’isola montagnosa del Purgatorio, composta appunto dalle terre fuoriuscite dal cuore del mondo all’epoca della ribellione degli angeli. In cima al Purgatorio, Dante colloca il Paradiso terrestre del racconto biblico, il luogo terrestre più vicino al cielo.

Il Paradiso è strutturato secondo la rappresentazione cosmologica nata all’epoca ellenistica con gli scritti di Tolomeo, e risistemata dai teologici cristiani secondo le esigenze della nuova religione. Nel suo rapimento celeste dietro l’anima di Beatrice, Dante attraversa dunque i nove cieli del cosmo astronomico-teologico, al di sopra dei quali si distende il Pleroma infinito (Empireo) in cui ha sede la Rosa dei Beati, posti a diretto contatto con la visione di Dio. Ai nove cieli corrispondono nell’Empireo i nove cori angelici che, col loro movimento circolare intorno all’immagine di Dio, provocano il relativo movimento rotatorio del cielo a cui ciascuno di essi è preposto – questo secondo la dottrina dell’Atto Puro o Primo Mobile desunta dalla Metafisica di Aristotele.

La struttura cosmologica della Commedia è strettamente connessa alla struttura dottrinale del poema, per cui la collocazione dei tre regni, e, al loro interno, l’ordine delle anime (ovvero delle pene e delle grazie), corrisponde a precisi intendimenti di ordine morale e teologico.

 
 

In particolare, la topografia dell’Inferno comprende i seguenti luoghi:

  • Un ampio vestibolo o Antinferno, dove vengono puniti coloro che nessuno vuole, né Dio né il demonio: gli ignavi.
  • Il fiume Acheronte, che separa il vestibolo dall’Inferno vero e proprio.
  • Una prima sezione costituita dal Limbo, immerso in una tenebra perenne.
  • Una serie di cerchi meno scoscesi in cui patiscono i peccatori incontinenti.
  • La città infuocata di Dite, le cui mura circondano la voragine finale.
  • Il cerchio dei violenti in cui scorre il fiume sanguigno del Flegetonte.
  • Un burrone scosceso, che dà all’ottavo cerchio, chiamato Malebolge: il cerchio dei fraudolenti.
  • Il pozzo dei Giganti.
  • Il lago ghiacciato di Cocito, dove sono immersi i traditori.

La topografia del Purgatorio è invece così strutturata: un Antipurgatorio, costituito da una spiaggia, su cui vengono traghettate le anime dall’angelo nocchiero che le preleva alla foce del Tevere, e da una valletta fiorita; specularmente all’Inferno, in essa attendono di iniziare la loro purificazione i negligenti, i tardi cioè a pentirsi. Il purgatorio vero e proprio è un monte scosceso, formato da ampi dirupi e cerchi rocciosi, a ciascuno dei quali è preposto un angelo guardiano. Sulla cima del monte c’è il Paradiso terrestre, che ha l’aspetto di una foresta rigogliosa, popolata di figure allegoriche.

I nove cieli del Paradiso sono i sette del sistema tolemaico – Luna, Mercurio, Venere, Sole, Marte, Giove, Saturno – più il cielo delle Stelle fisse e del Primo Mobile.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.