Ottobre

Certo amore non era quell’ora rubata nell’ansia inesperta era bello portarti nel buio e farti paura la nostra prima esperienza d’amore rimase interrotta e fu solo per paura che io ti lasciai andar via. Caro amore mio, grande amore mio fosti tu a guidar le mie mani nei tuoi capelli io volevo seguirti ma poi non ci provai e dopo un po’ mi chiusi in me.

Il tramonto nascondeva gli amanti sfiniti in un letto di sole con le luci di sera dovevi tornare alla vita di casa poi un velo di malinconia ti faceva già donna mi dicesti potremmo incontrarci ancora domani. Come tanti anni fa so che soltanto ieri ti cercai per ritrovare le foglie nei tuoi capelli e riascoltare con te i discorsi dell’acqua e poi provare ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.